Progetto NOISICURI

logo-noi-sicuri-confservizi-veneto-plus-service1

Il “Progetto NOI SICURI” nasce per affrontare a 360° i problemi della sicurezza stradale, introducendo una serie di attività tra loro fortemente integrate.

L’Amministrazione Locale che voglia dare una risposta concreta al bisogno di sicurezza sulle strade urbane dei cittadini, sia come utenti della strada (automobilisti o pedoni) sia come residenti, è ormai un’esigenza assolutamente improcrastinabile.

E’ noto come il 95% del problema sicurezza stradale sia legato ai comportamenti scorretti dell’utente della strada, e come una maggior sicurezza passi conseguentemente dalla capacità e dall’efficacia nel prevenire tali comportamenti da parte delle Amministrazioni Locali e degli Organi preposti.

Gli obiettivi e le cause sono note, ma le soluzioni mancano e le difficoltà in capo agli Enti Locali nel contenere il fenomeno dell’incidentalità stradale appaiono strutturali ed oggi più che mai insormontabili.

Infatti, negli ultimi anni, alle difficoltà oggettive dell’Ente (carenze tecniche, limitazioni normative, carenze di personale ed economiche) si sono affiancate quelle derivanti dal fenomeno di “multopoli”.

Una cattiva e smodata gestione dello strumento sanzionatorio da parte di alcune Amministrazioni Locali, scoperto e giustamente denunciato dai media, ma a torto generalizzato dalla stampa più scandalistica, ha finito per rendere completamente invisa agli occhi dell’utente della strada ogni azione di contrasto da parte degli Enti Locali.

Nell’utente si è consolidata l’ingiustificata convinzione, a prescindere dal proprio comportamento su strada, di essere vittima di un sopruso allorquando viene sanzionato dalla Polizia Locale e sono ormai di uso comune i luoghi comuni del tipo: “i comuni fanno solo cassa”, “l’utente della strada è vessato”, “i comuni tendono imboscate agli automobilisti”, “i limiti sono ormai inadeguati”, tutti concetti che ad un0analisi rigorosa appaiono obbiettivamente inconsistenti, ma che hanno pesantissime ripercussioni sui comportamenti e sulla sicurezza:

– diseducano ulteriormente l’utente della strada,

– indeboliscono l’azione di contrasto degli Enti Locali e dei loro Organi di Polizia.

Siamo al cospetto di un “malato cronico” (l’utente della strada nei centri urbani supera abitualmente i limiti nella misura del 70%!) che non ha alcuna percezione dei rischi che giornalmente corre e fa correre al prossimo e che ha in forte antipatia l’unico “medico” che possa somministrare una cura efficace.

Se ci è consentito proseguire con la metafora, la ricetta introdotta col progetto NoiSicuri consiste nel fornire al “medico” metodologie di cura estremamente efficaci e poco invasive (molto meno sgradite di quelle fin qui utilizzate), nell’aumentarne il livello di professionalità, nel riqualificarne il ruolo e la serietà operativa agli occhi del paziente.

L’azione sul “malato” consiste invece nel favorire una decisa presa di coscienza della propria situazione, dei rischi che corre se non cambia i propri comportamenti e dell’assoluta necessità che il medico ci sia e possa operare in modo serio e con la dovuta tranquillità.

Questa metodica educativa, ribattezzata “educazione al controllo”, affianca con grande efficacia il sistema di educazione dei comportamenti su strada chiamato “VELO OK” ed assieme al:

“Secure CDS” (strumento di lettura rigorosa della norma in chiave di sicurezza),

“Codice funzionale ed etico del controllo” (guida al controllo “virtuoso”, efficace ed incontestabile),

“Bilancio della Sicurezza Stradale” (strumento di verifica annuale e di valorizzazione dei risultati conseguiti in termini di sicurezza stradale),

costituisce un pacchetto di iniziative assolutamente innovative ed efficaci sia in termini di sicurezza reale, sia in termini di immagine e di prestigio per l’Amministrazione che li utilizza.

In breve il Progetto “NOI SICURI” prevede:

  1. L’introduzione di metodiche di controllo realmente efficaci, non “vessatorie” e condivise dal cittadino;
  2. La consulenza e la formazione sulla corretta e rigorosa applicazione della normativa in chiave di massima sicurezza per il cittadino (protocollo “SECURE CDS”);
  3. L’introduzione del “Regolamento di sicurezza stradale urbano”, per rendere chiare, efficaci, sistematiche ed incontestabili le azioni intraprese dall’Amministrazione;
  4. L’introduzione del “Codice etico e funzionale del controllo”, per rendere trasparente ed oggettivamente virtuosa l’azione di contrasto alle condotte illecite;
  5. La consulenza ed il supporto pratico e organizzativo nell’applicazione delle metodiche introdotte;
  6. Attività di educazione e di sensibilizzazione del cittadino sulle tematiche di sicurezza e controllo;
  7. La massima assistenza nella gestione mediatica delle attività introdotte (conferenze stampa, campagne divulgative, incontri con i cittadini, presentazione del progetto ai soggetti istituzionali);
  8. L’assistenza normativa e legale a tutti i livelli.
 Per approfondimenti e info: Tel. 049.8071777 – sicurezza@plusservices.info, direzione@plusservices.info 

Le ultime risposte del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti a quesiti sui Velo Ok:

Parere del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 08 aprile 2014

Parere del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 18 aprile 2014

Vai agli articoli stampa

Alcuni video inerenti il progetto:

 


 

Tags: , , ,

Comments are closed.

error: Content is protected !!